Pieve di Cusignano  

 

 

 

 

MONTEMANOLO

Un mattino splendente
di ultimo marzo
con quell'aria ancor fresca
ma già odorosa
di calde fragranze, 
quell'aria che porta
estive speranze
nel soffi a tratti
un pò ancora nevosi,
quel mattino splendente 
respirando i soffi 
del passar di stagioni 
sostammo a guardare
dal colle della bianca Madonna 
uccelli che parevan tornare
dalle migrazioni invernali. 

Volavano bassi cercando, 
mi parve, dei luoghi sicuri,
dei nidi ancora rimasti
sugli alberi con foglie nuove
e quello visibile sotto
la grondaia dell'Oratorio,
taceva la solitaria campana
così attiva di maggio
a chiamare al Rosario,
taceva la solitaria campana
e un uccello volava attorno
al nido della grondaia
forse a esplorare.
Lo guardammo passare
chissà quante volte
e brevemente sostare
vicino a quel nido,
poi raggiugendo lo stormo
calava verso la valle
nello splendente mattino
colorandosi d'oro
mentre spariva vicino
al torrente fra le gaggie
in cerca di noti nidi.

31 marzo 1992

Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.

Tutto il materiale  presente in questo sito è da noi pubblicato a scopo culturale in totale buona fede d'uso.

Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright è pregato vivamente di comunicarcelo via e-mail: info@pievedicusignano.it

Copyright © 2002 Pieve di Cusignano - ver. 9.68

Aggiornato il:  08 dicembre 2018