Pieve di Cusignano  

 

 

 

 

TINO, MI SENTI?

 

Tino, mi senti ?
Sono giorni d'ansia
questi che vivo
con memorie e pentimenti
che mi sobillano
istinti impazienti
verso un mondo da me scelto
tanto ingenuamente.

Perché a te dico
questa mia ribellione?
Quando scappammo insieme
dai banchi ginnasiali
tu ben lo sai
che non fu patriottismo
come lo mascherammo
e scrissero i giornali
in quei giorni dell'era,
ma perché in noi c'era
giovanile impazienza.

Ne parlavamo, ricordi,
quelle notti d'estate
sulla piazzetta a Pieve,
in un mondo di sonno
noi vegliavamo a dirci
indefinibili cose,
e gli amori presenti
nelle notturne confidenze
erano ispirazioni
perché anche in loro cercavamo
infinite contemplazioni.

Tino, ho tanti timori,
e quel luogo da dove
tu forse mi senti
mi appare sempre più
sempre più misterioso.

Oh, potere ancora
sostare nella notte insieme
tu a calmate l'affannoso
mio presente sentire,
in un mondo di sonno
noi soli a vegliare.

lo ad ascoltare,
oramai soltanto ascoltare,
tu che forse hai capito
e amorevolmente me lo vuoi rivelare
il mistero dell'infinito.

18 febbraio 1994

Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.

Tutto il materiale  presente in questo sito è da noi pubblicato a scopo culturale in totale buona fede d'uso.

Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright è pregato vivamente di comunicarcelo via e-mail: info@pievedicusignano.it

Copyright © 2002 Pieve di Cusignano - ver. 9.68

Aggiornato il:  08 dicembre 2018