Pieve di Cusignano  

 

 

 

 

Vento di guerra

Il vento nei boschi

era ululante

come bomba cascante

sulla polveriera vicina

in un paesetto

chiamato Borghetto,

una polveriera

che dava lavoro

a dei contadini

ma che confusione,

la guerra rimedio

alla disoccupazione.

Pensieri nel vento,

con gli aerei bassi

quasi a toccare i castani

in giri allungati

sui campi, la chiesa

e il sagrato

dove noi giocavamo

dopo i Vespri in estati

di guerra lontana

la guerra africana

e di Russia

dove anche morivano

gli Alpini di Pieve,

ma guerra ancora lontana,

di giornali e di bollettini

ora invece vicini

sono quei suoi rumori

d'alveari impazziti,

di boati improvvisi

con fumi nell'aria lucente

qui presente

sulle aie assolate

del due-ore

senza sonni tranquilli,

senza voci di grilli

quelle notti d'allarme,

vi frusciavano macchine

Millecento ed Aprilie

di mediatori e casari

nascoste nei casolari

ma scoperte dai partigiani

e ora mimetizzate

in giro per le vallate

su e gi pei tornanti

di Tabiano e Gabbiano,

insieme a quel vento

che partiva dai boschi

e faceva spavento

al sopravvenir della sera,

quel vento ululante

come bomba cascante

l sulla polveriera.

01 giugno 1983

 

Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.

Tutto il materiale  presente in questo sito da noi pubblicato a scopo culturale in totale buona fede d'uso.

Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright pregato vivamente di comunicarcelo via e-mail: info@pievedicusignano.it

Copyright 2002 Pieve di Cusignano - ver. 9.68

Aggiornato il:  08 dicembre 2018