Pieve di Cusignano  

 

 

 

 

Paola Reale,

dopo la laurea in Filosofia e la specializzazione in Psicologia, ha operato come psicologa sia in campo clinico che educativo. Ottenuta la libera docenza ha insegnato Psicologia Generale presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Parma dedicandosi, in particolare, alla ricerca sui temi della psicologia del tempo e della personalità.

L'attività di ricerca è stata accompagnata dalla pubblicazione di numerosi articoli e contributi apparsi su riviste specializzate, oltre ad alcune monografie.

Da sempre Paola Reale si occupa di letteratura e ricerca poetica, ed ha già pubblicato una prima raccolta di poesie :


Di Giuseppe Marchetti

Nella scrittura poetica di Paola Reale, il senso della natura prevale come una dichiarazione di fiducia letteraria. E', come lei la definisce, una trasmutazione necessaria per ascoltar / le mie voci / quelle dell'essenza: / l'essenza / di essere donna / e libera più dell'uccello / in volo." Questa è una dimensione che Paola Reale non perde mai di vista; in più, tale dimensione s'abbina ad una consapevole coscienza di vita che alita tra queste pagine con decisa affermazione di se e dei propri doveri: quelli verso la poesia naturalmente e quelli più generali che abbracciano le varie fasi dell'essere e del divenire: "Il mattino non ti reca / il canestro coi doni / dell'attesa, i doni / sono briciole di vita /ricordi appannati / di vita non vissuta. "Si dovrebbe poi anche dire che la poesia di Paola Reale non si presenta mai come una semplice e pur alta invocazione. Così intrisa di pensiero com'è, infatti, essa appartiene sia alla "distesa armoniosa dei giorni", sia al "teatro della vita" in ogni suo, pur minimo, particolare, e vive anche di tutte quelle sottili contraddizioni che lo "spazio precluso" dei giorni impone alla nostra speranza: " la monotonia / è quasi un assoluto / una modalità / del vivere segreto / un sentimento / che riempie / tanti vuoti pensieri. / Ora puoi pensare, / in quest'assenza, / di morire di morire / di infelicità. "Costretta dunque a pensarsi e a interrogarsi tra "meditazioni", "idilli" e "sentieri", la lirica di Paola Reale ritrova la propria essenza al centro di una lunga e circostaziata definizione interiore che ora s'amalgama con i fatti e ora si perde inseguendoli per virtù di "memorie". Ne nasce una ricchezza di prospettive esistenziali molto particolare che, dal passato, arriva al presente superandolo in seguito ponendosi le eterne domande dell'uomo, quasi con panica curiosità e, a volte con scetticismo saldamente uniti.

 

 

 

Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.

Tutto il materiale  presente in questo sito è da noi pubblicato a scopo culturale in totale buona fede d'uso.

Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright è pregato vivamente di comunicarcelo via e-mail: info@pievedicusignano.it

Copyright © 2002 Pieve di Cusignano - ver. 9.68

Aggiornato il:  08 dicembre 2018